Istruzioni per il versamento della prima rata dei contributi 2012

di Vito Verna Commenta

Purtroppo codesta prima rata, anche e soprattutto in virtù della riforma del lavoro sarà più cara che mai e potrebbe arrivare a sfiorare i 1.000 euro.

Istruzioni per il versamento della prima rata dei contributi 2012

Entro e non oltre mercoledì 16 maggio 2012, come chiaramente specificato nel nostro approfonditissimo articolo intitolato “Appuntamenti fiscali maggio 2012“, tutti i liberi professionisti nonché, naturalmente, commercianti ed artigiani del Bel Paese, dovranno procedere al pagamento, nel caso in cui abbiano optato, entro e non oltre sabato 31 marzo 2012, per la formula rateale, della prima rata dei propri ed altrui contributi relativi al 2012.

CALCOLO E VERSAMENTO CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ

Purtroppo, come certamente avrete in più d’un’occasione avuto modo d’appurare, codesta prima rata, anche e soprattutto in virtù della riforma del lavoro del ministro Elsa Fornero, sarà più cara che mai e, specialmente nel caso dei commercianti italiani, potrebbe arrivare a sfiorare, addirittura, i 1.000 euro.

CLASSIFICAZIONE CATASTALE IMMOBILI

Il titolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, come ormai ampiamente noto e documentato, avrebbe infatti deciso, grazie alla propria più recente riforma, di apprezzare di ben 1,30 punti percentuali la contribuzione relativa all’anno di imposta fiscale 2012 introducendo, tra le altre cose, la possibilità che quest’ultima, grazie a successivi aumenti percentuali pari allo 0,45%, arrivi entro i prossimi anni a sfiorare il 24%.

CODICI TRIBUTO IMU

Artigiani e commercianti, dunque, si troveranno nella condizione di dover versare nello casse dello Stato, in considerazione di un fatturato annuo inferiore a 44.204 euro e superiore a 14.930 euro, rispettivamente il 21,30 ed il 21,39% del proprio fatturato.

Rispondi