Prescrizione contributi gestione separata INPS

di Vito Verna Commenta

Il messaggio in questione, ovverosia il messaggio n. 15279/2012 del più importante ente previdenziale italiano, avrebbe dunque inteso specificare che il riscatto dei contributi ingiustamente versati dal contribuente iscritto alla gestione separata INPS potrà avvenire esclusivamente entro 5 anni dal versamento.

Prescrizione contributi gestione separata INPS

Partite IVA iscritte alla gestione separata dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e lavoratori a progetto con contratto di collaborazione co. co. co o co. co, pro, così come, più in generale, lavoratori precari, consulenti e professionisti non iscritti ad alcun albo professionale, dovranno da oggi in poi fare davvero molta più attenzione giacché anche per essi, grazie ad uno specifico messaggio rilasciato in questi giorni, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale avrebbe provveduto ad introdurre la prescrizione dei contributi versati ma non dovuti.

ECCO LA LEGGE DI STABILITA’ 2013

Il messaggio in questione, ovverosia il messaggio n. 15279/2012 del più importante ente previdenziale italiano, avrebbe dunque inteso specificare che il riscatto dei contributi ingiustamente versati dal contribuente iscritto alla gestione separata INPS, ovverosia il recupero dei crediti versati ma non dovuti, potrà avvenire esclusivamente entro 5 anni dal versamento.

DETRAZIONI LEGGE DI STABILITA’ 2013

In caso contrario, infatti, quei su indicati contributi andranno in prescrizione e non sarà più possibile, per il contribuente distratto, cercare di riscattarli.

TAGLI A DEDUZIONI E DETRAZIONI RETROATTIVI NELLA LEGGE DI STABILITA’ 2013

Una bella gatta da pelare in più per tutte le su indicate categorie di lavoratori che, immediatamente, non avrebbero mancato individuare i possibili aspetti discriminatori di una decisione che le assimila alle categorie di appartenenza di commercianti ed artigiani per quanto riguarderebbe il computo del periodo assicurabile e delle sanzioni civili per tardivo versamento ma, allo stesso tempo, non esiterebbe ad equipararle alle categorie dei lavoratori dipendenti per quanto riguarderebbe prescrizione e riscatto dei contributi versati ma non dovuti.

Photo Credits | Getty Images

Rispondi