Nasce la segretaria a distanza

di Giuseppe Aymerich Commenta

Si tratta di una novità che arriva dall’Inghilterra e che da noi è ancora quasi ignota, ma c’è chi scommette che verrà presto a crearsi una proficua e innovativa nicchia di mercato..

segretaria

Si tratta di una novità che arriva dall’Inghilterra e che da noi è ancora quasi ignota, ma c’è chi scommette che verrà presto a crearsi una proficua e innovativa nicchia di mercato.

Si tratta della segretaria a distanza: i suoi datori di lavoro più appetibili sono quei giovani professionisti o piccoli imprenditori magari all’inizio della propria carriera che da un lato, non potendo restare tutto il giorno in ufficio, gradirebbero avere qualcuno che riceva le telefonate, fissi gli appuntamenti o respinga i fornitori molesti.


Dall’altro lato, però, non hanno il denaro per assumerne una a tempo pieno e probabilmente, ricevendo magari solo qualche telefonata al giorno, lo ritengono un autentico spreco.
Ecco dunque la soluzione, offerta da alcune ditte specializzate: una segretaria lontana magari centinaia di chilometri, e che in genere non si ha nemmeno la possibilità di incontrare mai di persona. E, ovviamente, si tratta di una segretaria condivisa con decine di altri professionisti.

In effetti, per ricevere le chiamate e costruire l’agenda del datore di lavoro non è indispensabile lavorare nel suo medesimo ufficio; la segretaria a distanza è quindi una soluzione altrettanto efficiente, e col vantaggio di essere molto più economica: il costo si aggira, infatti, solitamente intorno al centinaio di euro al mese.


Da notare come alcune aziende che offrono questo servizio sono addirittura situate all’estero, in specie nei Paesi dell’Europa orientale: una nuova e originale forma di delocalizzazione dei servizi.

Difficile dire quanto questo nuovo mercato sia destinato ad espandersi, ma i pionieri del settore assicurano che il passaparola fra i clienti ha fatto crescere esponenzialmente gli affari negli ultimi mesi.

Alcune aziende che offrono questo tipo di servizio:

Rispondi