L’importanza dei social network per le imprese

di Stefania Russo Commenta

Un recente studio ha evidenziato che la maggior parte delle aziende italiane tende a sottovalutare l'importanza che rivestono...

Un recente studio ha evidenziato che la maggior parte delle aziende italiane tende a sottovalutare l’importanza che rivestono nell’attività di impresa i social network, basti pensare che le imprese che investono sul web più del 2% del loro fatturato lo vedono aumentare del 5,9% su base annua.

Tuttavia, anche chi è presente sui social network commette degli errori. Quello più comune è pensare che basta esserci, mentre invece quello che conta davvero è investirci attraverso risorse e persone. Per avere un tornaconto bisogna infatti curare i contenuti e interagire con gli utenti.


Per farlo è necessario utilizzare strumenti semplici e veloci, in quanto il rischio di realizzare un effetto controproducente è piuttosto alto. Si pensi ad esempio a quanto capitato di recente a McDonald’s, che ha chiesto su Twitter ai suoi followers di raccontare le loro #mcstories. Il risultato è stato una valanga di lamentele su cibo, igiene e personale. Qualcosa di simile è successo anche a Groupalia Italia, che durante i giorni del sisma in Emilia Romagna, sempre su Twitter, ha scritto: “Paura del terremoto? Molliamo tutto e scappiamo a Santo Domingo”, con tanto di link al coupon del viaggio. Inevitabili le proteste e gli insulti. I contenuti, dunque, devono essere curati bene e non devono far spazientire gli utenti: un link che non funziona o un catalogo online difficile da sfogliare è sufficiente a non far più tornare l’utente sul sito.

Altro errore molto comune è mantenere separato l’online dall’offline, soprattutto se si tratta di e-commerce. Molte persone, infatti vedono un prodotto online e si recano al negozio per acquistarlo di persona, altre invece lo vedono in un negozio e lo acquistano online per farselo recapitare direttamente a casa. E’ necessario quindi creare un ponte tra il web e il negozio, molto spesso per farlo è sufficiente un servizio di geolocalizzazione accessibile dalle pagine online.

Ma cosa fare se nonostante tutte le dovute attenzioni finiscono sul web dei contenuti sbagliati? Secondo gli esperti cercare di fermare il passaparola molto spesso è controproducente, pertanto può essere utile scusarsi e aspettare che la bufera passi, anche se non è detto che questo riesca a far dimenticare.

Rispondi