Compilare il modello l1 – 2°

di Giuseppe Commenta

Proseguendo nella compilazione del Modello I1, occorre prestare attenzione al quarto riquadro, dove occorre indicare la ditta che si intende impiegare...

modulistica

Proseguendo nella compilazione del Modello I1, occorre prestare attenzione al quarto riquadro, dove occorre indicare la ditta che si intende impiegare.

Questa è definita come la denominazione con cui l’impresa si presenta nei confronti dei terzi, e che dovrà comparire nelle fatture e in ogni altro documento emesso o riferito all’impresa.

La ditta deve essere caratterizzata da verità e novità.

Il principio di verità comporta che in essa compaia almeno il cognome, o la sigla dell’imprenditore.




Ciò significa che l’impresa del signor Mario Rossi dovrà contenere nella ditta una delle seguenti diciture: “Rossi”, “Ma.Ros.”, “Ros.Ma.”.

Il principio di verità subisce una deroga qualora l’azienda passi in altre mani: gli eredi o il cessionario possono mantenere la ditta originale (in caso di cessione serve però il consenso del cedente).

Oltre a quest’informazione inderogabile, la ditta può contenere ogni altra parola, anche di fantasia, purché non sia tale da ingannare i terzi sull’attività svolta: la pasticceria del signor Rossi non potrà mai avere come ditta “Mobilificio di Mario Rossi”.

La ditta, inoltre, non può contenere espressioni contrarie all’ordine pubblico e al buon costume.

Secondo il principio di novità, invece, non si può usare una ditta uguale o comunque molto simile a quella di un’altra impresa esistente, tale che per l’attività svolta o il mercato in cui si opera il terzo in buona fede possa essere tratto in confusione.

In caso di eccessiva similitudine fra due ditte, sarà l’imprenditore che l’ha registrata per seconda a dover modificare la propria per differenziarla
.

È da notare che la ditta, come gli altri segni distintivi dell’azienda, è tutelata dalle norme sulla concorrenza sleale.

Perciò, chi utilizza una ditta già propria di altra impresa può essere chiamato non solo a modificare la propria ma anche a risarcire gli eventuali danni subiti dal concorrente.

Giuseppe

Rispondi