Intercalare P terzo riquadro

di Giuseppe Commenta

Proseguendo nella compilazione dell’Intercalare P, si arriva al terzo riquadro: in esso, occorre specificare la carica..

Proseguendo nella compilazione dell’Intercalare P, si arriva al terzo riquadro: in esso, occorre specificare la carica assunta dalla persona fisica o dalla “persona socia” presentata nei riquadri precedenti. Le cariche cui ci si riferisce possono essere le più varie: amministratore, sindaco, institore…

Oltre alla funzione che è stata attribuita a tale persona, è richiesto di indicare due date (quella della nomina e quella – che peraltro di solito coincide – in cui essa è stata comunicata all’interessato), nonché la durata della stessa, con l’elencazione delle varie possibilità (data esatta o numero di anni previsti per la cessazione, durata fino a revoca o dimissioni ecc.).


Nell’ipotesi che la persona in oggetto sia uno degli amministratori della società – ma non l’unico – bisogna inoltre precisare se per statuto egli debba svolgere la sua funzione da solo o congiuntamente ai colleghi.

Se invece la persona cui è riferito il modello è un socio, occorre compilare il Riquadro n. 4, indicando la data in cui si è assunto tale status. Il discorso non vale, però, per le società di capitali: per esse, infatti, ogni dato riferito ai soci è da indicare in un altro documento, l’Intercalare S.

A questo principio c’è però un’eccezione: quella del socio unico di Srl, da indicare nel presente riquadro dell’Intercalare P.

Si ritorna nuovamente a trattare degli amministratori nel riquadro successivo. La sua compilazione è piuttosto rara: si tratta dell’ipotesi in cui particolari poteri di rappresentanza siano attribuiti alla persona in oggetto non all’interno dell’atto costituivo o dello statuto, bensì in un atto separato. È dunque richiesto di specificare la data in cui è attribuito tale potere e gli estremi dell’atto in cui questo è descritto.

Rispondi