Esenzioni fiscali per le imprese italiane in Brasile

di Stefania Russo Commenta

Favorire lo sviluppo del Brasile, e in particolare della regione Mato Grosso do sul,spingendo le imprese italiane ad investire nel Paese...

Favorire lo sviluppo del Brasile, in particolare della regione Mato Grosso do sul, spingendo le imprese italiane ad investire nel Paese.

E’ questo l’obiettivo di Andrè Puccinelli, governatore dello Stato sudamericano, che ha trasformato la sua visita presso il Ministero dello Sviluppo Economico in una sorta di road show a cui erano presenti alcune tra le più importanti imprese italiane, tra cui Finmeccanica e Ferrovie dello Stato.


Al mondo imprenditoriale italiano il Brasile ha lanciato, tramite Puccinelli, un’offerta che prevede esenzioni fiscali fino al 90% per ben 15 anni a favore di tutte le imprese italiane che decideranno di investire nel Mato Grosso do sul, considerata una delle regioni del Brasile più promettenti con una crescita annua del 16% circa.

Puccinelli ha spiegato che per le imprese intenzionate ad investire in Brasile, il Mato Grosso do sul è tra i 27 stati brasiliani il più attrattivo, poiché oltre a ridurre le imposte comunali, regionali e federali garantisce agevolazioni per l’acquisto di macchinari, prevedendo al contempo un sistema di rilascio rapido delle licenze e delle concessioni di aree per nuovi impianti industriali. E’ inoltre molto ricco di materie prime e dispone di 25 milioni gli ettari di terreno coltivabile.

Il sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, Massimo Vari, ha sottolineato l’esistenza di tutte le premesse per porre in essere sinergie importanti, nell’ambito di un progetto in cui l’imprenditoria italiana potrà portare le sue conoscenze in Brasile e i brasiliani offrire le migliori condizioni operative. Il presidente dell’agenzia Ice, Riccardo Monti, ha invece sottolineato l’impegno di Puccinelli nella ricerca di nuovi investimenti, in particolar modo nel settore dei trasporti e delle infrastrutture.

Rispondi