Errori frequenti delle aziende

di Stefania Russo Commenta

Gestire un'azienda non è affatto una cosa semplice, soprattutto quando si attraversano periodi di crisi come quello attuale e in cui si..

Gestire un’azienda non è affatto una cosa semplice, soprattutto quando si attraversano periodi di crisi come quello attuale e in cui si verifica un calo dei profitti che nella maggior parte dei casi porta a prendere delle decisioni drastiche, prima tra tutte un netto taglio dei costi che nella maggior parte dei casi colpisce investimenti e forza lavoro.

Per evitare di essere sopraffatti dalla crisi, dunque, le aziende devono ricorrere agli strumenti e alle informazioni necessarie per prendere le adeguate decisioni in materia di gestione.


Di seguito un elenco dei principali errori commessi dalle aziende, non solo in momenti di difficoltà ma molto spesso anche quando il tasso di crescita dei profitti è tutt’altro che negativo.

Considerare come scontati i clienti già esistenti. Si tratta di un errore piuttosto frequente commesso dalle aziende, che molto spesso si concentrano troppo sull’obiettivo di acquisire nuovi clienti e non anche su quello di porre in essere tutte le azioni necessarie per mantenere i clienti che si hanno già. In situazioni di crisi, infatti, è facile che le persone si guardino intorno alla ricerca delle proposte più convenienti, per questo motivo è necessario cercare di soddisfare le esigenze del cliente fin dal suo primo acquisto.

Non concentrarsi sulle nuove opportunità di mercato. Capita spesso, infatti, che quando gli affari vanno bene non si punta ad un’ulteriore espansione oppure che, quando ci si trova in una situazione di difficoltà, si decida di eliminare ogni tipo di investimento, due scelte sbagliate perché così si rischia di rimanere indietro e di essere improvvisamente sopraffatti dalla concorrenza.

Non eliminare le inefficienze operative. Affinché gli affari vadano bene è necessario tenere sempre sotto controllo i costi e cercare continuamente delle soluzioni che consentano di ridurre al minimo gli sprechi e di eliminare completamente le inefficienze, altrimenti si rischia di perdere il controllo sui costi e di avere gravi conseguenze sui margini lordi.

Non analizzare e non correggere i problemi. Ai fini del buon funzionamento dell’azienda è necessario che tutti i problemi non solo vengano individuati ma anche risolti dando priorità a quelli più cruciali.

Non aver un obiettivo chiaro. E’ necessario che l’attenzione sia sempre focalizzata su un obiettivo e che lo staff dell’azienda sia costantemente motivato nel raggiungimento dello stesso.

Non offrire trasparenza agli interlocutori aziendali. Soprattutto in momenti di crisi è necessario che gli interlocutori siano sempre al corrente di tutte le informazioni di loro interesse.

Rispondi