Cassa integrazione guadagni straordinaria (CIGS)

di Stefania Russo Commenta

La cassa integrazione guadagni straordinaria (CIGS) è una prestazione economica che viene erogata dall'Inps a favore di dipendenti di imprese...

La cassa integrazione guadagni straordinaria (CIGS) è una prestazione economica che viene erogata dall’Inps a favore di dipendenti di imprese che versano in una situazione di difficoltà al fine di evitare eventuali licenziamenti.

La cassa integrazione straordinaria può essere richiesta in caso di crisi aziendale, in caso di ristrutturazione, riconversione e riorganizzazione aziendale e in caso di procedure concorsuali.

PROROGA CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA DOPO CIGS

Possono usufruire della cassa integrazione straordinaria le imprese industriali, le imprese edili ed affini, le cooperative agricole, le imprese artigiane; le aziende appaltatrici di servizi di mensa o ristorazione; le imprese appaltatrici di servizi di pulizia la cui impresa committente sia destinataria di CIGS; le imprese editrici di giornali quotidiani, periodici e agenzie di stampa e le imprese commerciali con più di 200 dipendenti.

Sul fronte delle categorie di lavoratori, invece, possono usufruire della cassa integrazione guadagni straordinaria: operai e intermedi; impiegati e quadri; soci e non soci di cooperative di produzione e lavoro; lavoratori poligrafici e giornalisti; dipendenti dell’appaltatore. Al contrario, invece, non possono beneficiare di tale prestazione economica i dirigenti, gli apprendisti, i lavoranti a domicilio, gli autisti alle dipendenze del titolare di impresa e i lavoratori con contratto di formazione e lavoro.

Per poter ottenere la cassa integrazione straordinaria è necessario compilare e consegnare alla sede Inps territorialmente competente apposito modello di domanda in cui vengono indicati i dati relativi all’azienda, i dati relativi al decreto ministeriale di concessione, il periodo richiesto, il numero dei lavoratori sospesi o a orario ridotto e le modalità di pagamento.

CONTRIBUTI FIGURATIVI CASSA INTEGRAZIONE

Il periodo di cassa integrazione straordinaria non può superare i 36 mesi, in particolare in caso di crisi aziendale la durata è pari a 12 mesi prorogabili fino a 24; in caso di ristrutturazione, riorganizzazione o riconversione aziendale è pari a 24 mesi; in caso di procedure concorsuali è pari a 12 mesi con possibile proroga di ulteriori sei mesi; in caso di contratti di solidarietà 24 mesi prorogabili fino a 36 mesi.

La retribuzione spettante in caso di cassa integrazione straordinaria è pari all’80% della retribuzione che sarebbe spettata al lavoratore in caso di mancata sospensione o riduzione dell’orario.

Rispondi