Buoni Fruttiferi Postali per le imprese (BFP Impresa)

di Stefania Russo Commenta

I Buoni Fruttiferi Postali, da sempre tra le forme di risparmio preferite dagli italiani, diventano un'opportunità...

Non-European Union foreigners queue outs

I Buoni Fruttiferi Postali, da sempre tra le forme di risparmio preferite dagli italiani, diventano un’opportunità di gestione della liquidità per le imprese di qualunque dimensione, per le associazioni, le società e i liberi professionisti.

A partire dal 20 maggio 2013, infatti, è possibile acquistare i nuovi BFP Impresa, ossia una nuova tipologia di Buoni Fruttiferi Postali aventi una durata massima di 20 mesi e che riconoscono ogni due mesi tassi di interesse sicuri e crescenti nel tempo.


Essi possono essere rimborsati anticipatamente in qualunque momento, con restituzione del capitale investito e, una volta trascorsi almeno due mesi dalla sottoscrizione, anche degli interessi maturati fino a quel momento.

Per quanto riguarda il rendimento, i BFP Impresa della serie G01, acquistabili dal 20 maggio 2013, riconoscono un tasso nominale annuo lordo dello 0,25% dal primo al terzo bimestre, dello 0,75% dal quarto al sesto bimestre, dell’1,50% dal settimo al nono bimestre e del 2,50% nel decimo bimestre.

Anche i BFP Impresa, come tutte le altre tipologie di Buoni Fruttiferi Postali, sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti, garantiti dallo Stato italiano e collocati in esclusiva da Poste Italiane. Essi possono essere acquistati presso gli uffici postali dislocati sul territorio nazionale e possono essere sottoscritti esclusivamente in forma dematerializzata, questo significa quindi che è necessario essere in possesso di un conto presso Poste Italiane. Riguardo all’ammontare dell’investimento, invece, il taglio minimo iniziale è pari a 5.000 euro e, nel caso di importi ulteriori, è possibile acquistare BFP Impresa in tagli pari a 250 euro e multipli.

Rispondi