Trattamento fiscale titoli di Stato

di Stefania Russo Commenta

Gli interessi percepiti mediante investimenti in titoli di Stato vengono tassati in maniera differente a seconda che..

Gli interessi percepiti mediante investimenti in titoli di Stato vengono tassati in maniera differente a seconda che gli investimenti siano stati effettuati da persone fisiche o da soggetti diversi da persone fisiche.

Nel primo caso, in particolare, viene applicata degli intermediari finanziari un’imposta sostitutiva del 12,5% sugli interessi percepiti che va ad esaurire completamente gli obblighi fiscali del contribuente, fatta eccezione per i proventi percepiti da persone fisiche nell’esercizio di un impresa.

CHIARIMENTI IMPOSTA DI BOLLO DOSSIER TITOLI 2011

In quest’ultimo caso, infatti, si applica il regime fiscale previsto per i soggetti diversi dalle persone fisiche, ossia non è prevista alcuna ritenuta o prelievo sostitutivo ma semplicemente gli interessi concorrono alla formazione della base imponibile soggetta alle imposte sui redditi.

Gli interessi percepiti tramite investimenti in titoli di Stato e soggetti a tassazione non riguardano solo le cedole ma anche il cosiddetto scarto di emissione, ossia la differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita e che per alcuni titoli di Stato, come i Bot e i Ctz, rappresenta l’unica forma di remunerazione riconosciuta all’investitore.

AUMENTO COSTO BOLLO DOSSIER TITOLI

Per quanto riguarda l’imposta sostitutiva, questa è applicabile esclusivamente in relazione agli interessi maturati nel periodo di possesso del titolo di Stato. A riguardo è bene sottolineare che nel caso di riapertura delle sottoscrizioni per i titoli emessi in più tranches, il prezzo di emissione considerato è quello a cui è stata aggiudicata la prima tranche del prestito.

La normativa di riferimento in tema di regime fiscale degli interessi sui titoli di Stato è il decreto legislativo 1° aprile 1996 n. 239, oggetto di modifiche e integrazioni successive.

Rispondi