Trasferire i propri beni all’impresa (I)

di Giuseppe Commenta

Il meccanismo, assolutamente conveniente, richiede però il rispetto di alcuni requisiti: innanzitutto, esso riguarda esclusivamente..

consulenza fiscale in italia

Una delle norme fiscali più interessanti per chi esercita l’attività di impresa è la possibilità, offerta dall’art. 65 comma 3-bis del DPR 917/1986 (Testo Unico dell’Imposta sui Redditi), di far passare i beni dell’imprenditore dalla sfera privata a quella aziendale.

Questo gli consente di dedurre dal reddito imponibile i relativi costi, né più né meno che se i beni in questione fossero stati acquistati direttamente presso terzi nel corso dell’attività d’impresa.

Il meccanismo, assolutamente conveniente, richiede però il rispetto di alcuni requisiti: innanzitutto, esso riguarda esclusivamente l’imprenditore individuale;


sono del tutto esclusi dal beneficio sia le società e gli enti di ogni tipo che i liberi professionisti.
In secondo luogo, deve trattarsi esclusivamente di beni effettivamente inerenti l’attività d’impresa: non si possono certo scaricare le spese del divano di casa oppure quelle di un computer di tipo desktop installato nella propria abitazione, lontano dalla sede dell’azienda.

In caso di utilizzo promiscuo, secondo le regole generali, la deducibilità è ridotta al 50%.

In terzo luogo, il discorso riguarda solamente i beni strumentali ad utilizzo pluriennale e non quelli di consumo: quindi, semaforo verde per arredamento, veicoli o strumenti elettronici, mentre non c’è niente da fare per la cancelleria o l’attrezzatura minuta.


Una volta individuati, dunque, quali sono i beni che rispettano rigorosamente tutti questi requisiti e che si può scegliere di far passare nella privilegiata categoria dei “beni d’impresa”, si può attuare il meccanismo stabilito dal legislatore, che approfondiremo nella prossima puntata.

È bene però precisare subito che il discorso riguarda solo la deducibilità ai fini IRPEF e, di riflesso, IRAP: non può riguardare invece l’IVA, che è del tutto indetraibile e costituisce quindi componente accessoria del costo.

Rispondi