Tassazione donazione immobili

di Stefania Russo 1

La donazione, sebbene consista in un trasferimento a titolo gratuito, è soggetta al pagamento di diverse imposte...

La donazione avente ad oggetto beni immobili, sebbene consista in un trasferimento a titolo gratuito, è soggetta al pagamento di diverse imposte, il cui ammontare varia in base al rapporto di parentela intercorrente tra il donante e il beneficiario.

La base imponibile su cui si applica l’aliquota del caso è data dalla rendita catastale rivalutata del 5% e moltiplicata per un coefficiente che varia in base alla tipologia dell’immobile oggetto dell’atto di donazione, ovvero: 110 se si tratta della prima casa; 120 per i fabbricati appartenenti ai gruppi catastali A e C (escluse le categorie A/10 e C/1); 140 per i fabbricati appartenenti al gruppo catastale B; 60 per i fabbricati delle categorie A/10 e D; 40,8 per i fabbricati delle categorie C/1 ed E. Se si tratta invece di terreni non edificabili la base imponibile si determina moltiplicando per 90 il reddito dominicale già rivalutato del 25%.

SUCCESSIONE CON TESTAMENTO

L’aliquota da applicare alla base imponibile così determinata è pari: al 4% per il coniuge e i parenti in linea retta, da calcolare sul valore eccedente i 1.000.000 di euro per ciascun beneficiario della donazione; 6% per fratelli e sorelle, da calcolare sul valore eccedente i 100.000 euro per ciascun beneficiario; 6% per gli altri parenti fino al quarto grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al terzo grado (senza alcun limite di importo); 8% per le altre persone (senza alcun limite di importo.

TASSAZIONE DONAZIONE ANCHE IN MANCANZA DI FORMA SCRITTA

Per quanto riguarda i casi in cui è prevista una franchigia, il limite è di 1.500.000 euro se il soggetto beneficiario è una persona portatrice di handicap grave.

Sempre sulle donazioni di beni immobili sono inoltre dovute altre due imposte: l’imposta ipotecaria, nella misura del 2% del valore dell’immobile, e l’imposta catastale, nella misura dell’1% del valore dell’immobile. In entrambi i casi è previsto un versamento minimo di 168 euro, inoltre se il beneficiario della donazione possiede i requisiti previsti per le agevolazioni fiscali prima casa, le due imposte sono dovute nella misura fissa di 168 euro ciascuna.

Commenti (1)

  1. buongiorno,vorrei conoscere il vostro parere riguardo questo caso:siamo tre sorelle e dopo la morte dei nostri genitori due di noi vorremmo donare la nostra quota di possesso alla terza sorella che vive in questa casa (prima casa),quanto bisognerà pagare e a chi spetta il pagamento? grazie.

Rispondi