Spesometro 2017, le novità e le sanzioni

di Fabiana Raponi Commenta

Con il 1 gennaio è entrato in vigore il nuovo Spesometro 2017 comunicazione trimestrale IVA anziché annuale che obbliga i contribuenti a comunicare le operazioni rilevanti IVA che siano superiori ai 3600 euro. 

Questa la prima sostanziale novità dello strumento a disposizione dell’Agenzia delle Entrate introdotto dal decreto legge collegato alla nuova Legge di Bilancio 2017 ai fini del controllo fiscale. Tutti i soggetti passivi di IVA sono obbligati alla comunicazione trimestrale IVA 2017 trasmettendo i dati delle fatture emesse e ricevute con relativi dati di IVA a credito e a debito.

Scadenza comunicazioni

Con il nuovo Spesometro trimestrale 2017 i contribuenti dovranno inviare all’Agenzia delle Entrate 2 comunicazioni ogni 3 mesi.

La comunicazione spesometro 1° e 2° trimestre va inviata insieme con comunicazione spesometro semestrale entro il 25 luglio 2017; la comunicazione spesometro trimestre 3° (luglio, agosto e settembre) va inviata con scadenza 30 novembre 2017, la comunicazione spesometro trimestre 4° (ottobre, novembre e dicembre) va inviata con la scadenza del 28 febbraio 2018.

Già fissate le scadenza spesometro trimestrale per il prossimo anno: 30 maggio, 16 settembre, 30 novembre 2018 e febbraio 2019.

Sanzioni

I contribuenti che omettono l’invio della comunicazione IVA trimestrale o dei dati di liquidazioni periodiche IVA entro i tempi previsti saranno sanzionati in diverse modalità. Per omessa o ritardata trasmissione dei dati relativi ad ogni fattura è prevista una sanzione di minimo 2 euro per fattura fino a un massimo di 1.000 euro a trimestre, mentre per omessa, incompleta o infedele comunicazione delle liquidazioni periodiche è prevista una sanzione variabile dai 500 euro ai 2.000 euro. 

Le comunicazioni delle operazioni ai fini Iva devono avvenire per via telematica all’Agenzia delle Entrate attraverso il servizio telematico Fisconline e Entratel.

Ulteriori informazioni sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Rispondi