Sale il gettito da autotassazione

di Giuseppe Aymerich Commenta

Sono già disponibili i primissimi dati sulle entrate fiscali da autotassazione relativamente alla prima scadenza dell’imposta..

tax

Sono già disponibili i primissimi dati sulle entrate fiscali da autotassazione relativamente alla prima scadenza dell’imposta sui redditi dell’anno.

Si parla di “autotassazione” in relazione ad una fra le modalità con le quali l’Erario riscuote le imposte, ovverosia affidandosi allo spontaneo successivo versamento dei tributi direttamente da parte del contribuente.


Tutti i contribuenti (eccesso i soggetti IRES con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare), infatti, erano tenuti a versare il saldo delle imposte riferite al 2008 nonché la prima rata di acconto riguardante il 2009 entro il 16 giugno scorso.

I soggetti esercenti un’attività d’impresa, arte o professione sottoposti agli studi di settore, però, hanno potuto godere di una proroga fino al 6 luglio. Per poter confrontare, dunque, i dati di quest’anno con quelli dell’anno precedente (in cui non vi fu nessuna proroga), è stato necessario attendere quella data.


Ebbene, risulta che quest’anno il gettito sia cresciuto di circa trecento milioni di euro rispetto a quanto rilevato dodici mesi prima.
Poiché è possibile versare il dovuto anche con 30 giorni di ritardo aggiungendo interessi per lo 0,4%, una comparazione più completa potrà essere compiuta solo successivamente al 6 agosto.

Poiché il gettito annuale da autotassazione ammonta a svariati miliardi di euro, l’incremento rispetto all’anno precedente non si può definire mastodontico; ma nonostante questo, il dato rilevato ha suscitato molto interesse, considerato il periodo di grave difficoltà in cui viviamo attualmente.

La sorpresa maggiore, in particolare, si ha nel notare che la crisi della liquidità non ha impedito agli italiani di pagare quanto dovuto nell’appuntamento con l’Erario.

Rispondi