Rimborsi IRAP, ecco le nuove regole

di Giuseppe Aymerich Commenta

Una recente manovra anticrisi ha stabilito il diritto dei consumatori a dedurre il 10% dell’IRAP dall’imposta sui redditi, purché nel periodo..

soldi euro

Una recente manovra anticrisi ha stabilito il diritto dei consumatori a dedurre il 10% dell’IRAP dall’imposta sui redditi, purché nel periodo d’imposta si siano sostenute spese per personale dipendenti o per interessi passivi; la deducibilità è applicabile retroattivamente nei quattro periodi d’imposta precedenti, con la conseguente possibilità di richiedere un rimborso.

Sennonché, i fondi momentaneamente stanziati sono molto scarsi rispetto alle istanze preventivabili, così la
procedura prevista del click-day prima rinviata è stata sospesa perché inadeguata.


Si prevedeva, infatti, che tutti i contribuenti interessati inviassero il 14 settembre le istanze per via telematica: chi batteva gli altri sul tempo beneficiava del rimborso, mentre gli altri avrebbero atteso chissà quanto.

L’Agenzia delle Entrate ha ora disposto il provvedimento che regolamenta da capo la distribuzione dei rimborsi.
Le istanze saranno ugualmente presentate in via telematica, ma in momenti diversi: è stato infatti fissato un calendario differenziato per Regione, individuandola sulla base dell’ultimo domicilio fiscale di ciascun contribuente interessato; all’interno delle Regioni più popolose, vi è un’ulteriore distinzione fra persone fisiche e soggetti diversi.


Le prime Regioni chiamate all’invio sono Basilicata, Calabria e Molise, per cui è fissata la data di martedì 17 novembre; in coda, ci sarà la chiamata all’appello per le società della Lombardia (venerdì 11 dicembre). L’ora X, per tutte le date, sarà mezzogiorno.
Verrà quindi fatta una graduatoria fra le istanze arrivate in base all’ora di spedizione (indipendentemente dalla data); le istanze inviate prima dell’ora X precipiteranno automaticamente all’ultimo posto.

Dopodiché, si provvederà ad erogare i rimborsi, compatibilmente con i fondi disponibili, iniziando dal periodo d’imposta più remoto e avvicinandosi progressivamente al presente. All’interno di ogni periodo d’imposta, la priorità andrà a chi viene prima nella graduatoria descritta.
Col nuovo sistema, i fondi oggi disponibili saranno spalmati su un maggior numero di beneficiari.

Rispondi