Ridotta l’aliquota sulle rate dell’IRPEF

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il saldo dell’IRPEF del 2008, così come il 40% dell’acconto sull’IRPEF del 2009, doveva essere versato entro il 16 giugno scorso..

acconti irpef

Il saldo dell’IRPEF del 2008, così come il 40% dell’acconto sull’IRPEF del 2009, doveva essere versato entro il 16 giugno scorso, data prorogata al 6 luglio per i soggetti sottoposti agli studi di settore.

In alternativa al versamento di queste intere somme, è però consentito rateizzare i pagamenti in tante quote di pari importo, da versare mensilmente. Il numero delle rate, fino ad un massimo di sei, è a scelta del contribuente.


Queste medesime regole sono previste anche per l’IRAP, l’IRES e le addizionali regionali e comunali.

Nel momento in cui si sceglie di rateizzare, però, occorre maggiorare le singole rate con gli interessi, calcolati secondo un tasso prefissato: un tasso pari, fino a pochissimo tempo fa, al 6% annuo. Poiché sei percento diviso dodici porta ad un tasso mensile pari allo 0,5%, ciò significa che la seconda rata andava maggiorata dello 0,5%, la terza dell’1% e così via.


Molti analisti hanno però segnalato come la situazione fosse paradossale: il 6% annuo non solo appare spropositato in tempi di inflazione in caduta libera, ma inoltre risulta addirittura superiore ai ridottissimi tassi previsti per l’istituto dell’accertamento con adesione (recentemente potenziato dal legislatore), che è una delle strade con cui è possibile regolarizzare molte violazioni fiscali.

Si arrivava perciò all’assurdo: piuttosto che rimanere in regola e pagare rateizzando, appariva più conveniente omettere il versamento e successivamente aggiustare tutto con l’accertamento con adesione.

Così, un decreto del Ministero delle Finanze dello scorso 21 maggio ha rimesso ordine: il tasso per la rateizzazione è stato ridotto al 4% annuo (dunque 0,33% mensile).

Pertanto, chi dovesse versare 600 euro e scegliere la massima rateazione possibile, dovrebbe pagare 100,33 euro a giugno, 100,67 a luglio e così via, fino a 102 euro per la rata di novembre

Rispondi