Pregi e difetti del “forfettone” (seconda parte)

di Giuseppe Aymerich Commenta

Dal punto di vista delle imposte dirette, il discorso sulla convenienza è estremamente complesso..

tax

Dal punto di vista delle imposte dirette, il discorso sulla convenienza è estremamente complesso. I “minimi” non pagano l’IRAP né presentano la dichiarazione, ma è anche vero che mentre il discorso può essere interessante per gli imprenditori individuali, lo è molto meno per i professionisti, per i quali, se sussistono i requisiti per aderire al “forfettone” sono comunque pressoché già fuori dall’IRAP (a prescindere dall’adesione al regime), come hanno sancito prima la Corte di Cassazione e poi l’Agenzia delle Entrate; sul tema del rapporto fra IRAP e professionisti si rinvia ai numerosi articoli già dedicati all’argomento.


Senza contare, poi, che il peso dell’IRAP in genere è raramente proibitivo per i piccoli contribuenti, anche considerando che il meccanismo di calcolo dell’imposta regionale prevede l’applicazione di alcune franchigie dalla base imponibile che spesso finiscono per azzerare del tutto l’imposta per i soggetti di minori dimensioni.

Dunque, l’esenzione dall’IRAP è indubbiamente un punto a favore del regime del “forfettone”, ma il suo peso è variabile e comunque non determinante.


Un altro vantaggio poteva essere l’esenzione dalla spedizione degli elenchi clienti/fornitori (adempimento che richiedeva molte ore di lavoro), ma è venuto meno con la completa soppressione di tali elenchi decisa dal ministro Tremonti nel 2008.

C’è però un’altra esenzione che, al contrario delle precedenti, segna un punto pesantissimo e indiscutibile a favore del regime dei contribuenti minimi: l’esclusione totale di costoro dall’applicazione degli studi di settore (nonché dei loro “fratelli minori”, ossia i parametri contabili e gli indicatori di normalità economica).

In nessun altro regime contabile, nemmeno in quello a favore delle nuove iniziative, è prevista una simile esclusione, e il non dover in alcun modo temere gli effetti del test di congruità del software Gerico fa tirare un sospiro di sollievo davvero notevole.

Rispondi