Nuove regole IVA nei trasporti pubblici

di Giuseppe Aymerich Commenta

Anche il settore dei trasporti pubblici urbani si adegua al regime “monofase”, già previsto per l’editoria..

autobus

Anche il settore dei trasporti pubblici urbani si adegua al regime monofase, già previsto per l’editoria.

Il Ministero delle Finanze ha infatti emanato il decreto attuativo delle modifiche apportate dal legislatore all’articolo 74 del Testo Unico sull’IVA, che contiene norme sparse sull’applicazione dell’imposta in alcuni settori particolari.


Perciò, così come per libri e giornali è l’editore che deve versare l’imposta calcolandola sul valore finale della vendita al pubblico del prodotto, mentre nei vari passaggi commerciali la cessione è esclusa dall’imposta (già assolta definitivamente “a monte”), ora il medesimo sistema si applica anche per i biglietti di autobus, tram e metropolitana, nonché per un altro ambito correlato, quello delle soste a pagamento nelle famigerate “strisce blu”.


Il nuovo regime entrerà in vigore il prossimo primo ottobre: è il gestore del servizio di trasporto o dell’autoparcheggio che, scorporando il valore dell’imposta dal prezzo di vendita del biglietto al consumatore finale, è tenuto a versarlo integralmente all’Erario; l’onere del tributo, tuttavia, ricade di fatto e integralmente sul consumatore finale, sebbene costui non se ne possa accorgere immediatamente giacché il biglietto (come il documento di sosta) non contiene alcuna indicazione sull’imposta.

Una particolarità si ha però nell’ipotesi di trasporti esenti da IVA (art. 10). Anche i compensi destinati agli intermediari sono normalmente assorbiti nel regime monofase, ma laddove il trasporto è esente, allora toccherà allo stesso intermediario calcolare il valore dell’imposta sul proprio aggio e auto-fatturare il proprio compenso secondo l’ormai collaudata tecnica dell’inversione contabile, o reverse-charge.

L’ammontare globale dei corrispettivi dovrà essere rilevato dall’esercente sui registri IVA entro il giorno 15 del mese successivo a quello di riferimento.

Rispondi