Mario Monti vuole ridurre l’IRPEF entro il 2012

di Vito Verna Commenta

La riforma, avrebbero però già ribadito il Premier Monti, non potrà venir approvata prima della fine di dicembre 2012 e, soprattutto, solamente nel caso in cui si raggiunga il pieno accordo tra i partiti attualmente presenti in Parlamento e le direttive dell'Unione Europea sullo scottante argomento della riduzione delle aliquote IRPEF.

Mario Monti vuole ridurre l'IRPEF entro il 2012

La riforma fiscale è ormai diventato uno dei più scottanti e frequenti argomenti dell’attualità politica, economica e finanziaria italiana.

ELENCO ALIQUOTE COMUNALI IRPEF 2011-2012

Tanto che, nonostante gli italiani siano stati in questi giorni grandemente impegnati a organizzare i più imponenti festeggiamenti per Ferragosto, l’argomento sarebbe proprio in questi ultimissimi giorni tornato in auge anche e soprattutto grazie alle dichiarazioni del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti circa la possibilità che il Governo Monti provveda, qualora sulla questione possa venir in tempi stretti raggiunta la più ampia condivisione di intenti sia con le forze politiche che con quelle sociali, a ridurre le aliquote dell’Imposta sul Reddito delle PErsone Fisiche o IRPEF.

CALCOLARE STIPENDIO DAL LORDO AL NETTO

L’obiettivo di una tale riforma, come confermato dallo stesso Mario Monti, sarebbe quello di consentire al proprio governo, una volta di più, di contribuire al riordino del Paese  così che coloro i quali verranno, con evidente e logico riferimento al Consiglio dei Ministri ed al Parlamento che verranno scelti dai cittadini e dagli elettori italiani nel corso delle prossime elezioni politiche, possano provvedere, con serenità, al risanamento economico del quale l’Italia avrebbe in questo momento un così disperato bisogno.

PAGAMENTO STIPENDIO IN CASO DI INSOLVENZA DEL DATORE DI LAVORO

La riforma, avrebbero però già ribadito il Premier Monti, non potrà venir approvata prima della fine di dicembre 2012 e, soprattutto, solamente nel caso in cui si raggiunga il pieno accordo tra i partiti attualmente presenti in Parlamento e le direttive dell’Unione Europea sullo scottante argomento della riduzione delle aliquote IRPEF.

Rispondi