L’agenzia ti scrive: lettera di invito a regolarizzare possibili errori

di Alba D'Alberto Commenta

Una lettera dell’Agenzia delle Entrate è sempre una lettera che mette timore, in realtà quello che andiamo a descrivere è soltanto un altro servizio messo a disposizione dell’Erario per far sì che i contribuenti siano sempre in regola con i pagamenti. Nella guida realizzata dall’Agenzia delle Entrate “L’agenzia ti scrive: lettera di invito a regolarizzare possibili errori”, si spiega subito che non si tratta di un accertamento ma di un invito a controllare la propria posizione fiscale ed eventualmente a mettersi in regola con il pagamento delle tasse. Nella guida, una sezione è dedicata a far capire chi riceverà la lettera e come:

agenzia-entrate

Le comunicazioni sono inviate ai contribuenti che, sulla base dei dati in possesso dell’Agenzia, non hanno compilato correttamente la dichiarazione dei redditi per l’anno 2012 (modello Unico PF 2013 o modello 730/2013). In particolare, si tratta di contribuenti che risultano aver percepito e non dichiarato (o dichiarato solo in parte) una delle seguenti tipologie di reddito:

• redditi dei fabbricati derivanti da contratti di locazione di immobili (compresi quelli per i quali si è scelto il regime della “cedolare secca”)

• redditi di lavoro dipendente o di pensione

• assegni periodici corrisposti dal coniuge, a seguito di separazione, divorzio o annullamento del matrimonio • redditi di partecipazione in società, associazioni fra artisti e professionisti, imprese familiari, aziende coniugali

• redditi di capitale relativi agli utili e agli altri proventi equiparati corrisposti da società di capitale o enti commerciali

• altri redditi (redditi di lavoro autonomo non derivanti da attività professionali, redditi diversi)

• redditi d’impresa derivanti da plusvalenze e sopravvenienze attive.

Le possibili irregolarità sono state riscontrate dall’Agenzia delle Entrate attraverso il confronto dei dati in suo possesso con quelli dichiarati dai contribuenti nel modello 730 o nel modello Unico persone fisiche

Rispondi