Incentivo Tremonti-ter per nuove aziende

di Giuseppe Aymerich Commenta

In questi giorni, gli esperti di fiscalità d’impresa si stanno esercitando per mettere a fuoco tutte le specificità dell’incentivo noto come “Tremonti-ter”, che..

In questi giorni, gli esperti di fiscalità d’impresa si stanno esercitando per mettere a fuoco tutte le specificità dell’incentivo noto come “Tremonti-ter”, che comporta una detassazione del reddito d’impresa pari al 50% di numerose tipologie di investimenti compiuti fra la seconda metà del 2009 e la prima del 2010.

Un aspetto che è stato sottolineato da diversi studiosi è che, al contrario delle due precedenti versioni della legge Tremonti, stavolta l’incentivo non è riservato alle imprese già esistente alla data di entrata in vigore della norma, ma anche a quelle che si costituiranno da qui fino al 30 giugno 2010.


Infatti, non solo nel testo di legge non si rinviene alcuna limitazione esplicita (al contrario di quanto si poteva leggere nelle due precedenti versioni), ma lo stesso meccanismo di calcolo del contributo è molto differente: oggi conta, infatti, il 50% degli investimenti eseguiti, mentre nelle vecchie agevolazioni si considerava la differenza fra l’ammontare dei nuovi investimenti e la media aritmetica di quelli compiuti nel quinquennio precedente, condizione evidentemente inapplicabile alle nuove imprese.


Ma c’è un altro aspetto da considerare. Le nuove aziende chiudono solitamente i primi esercizi in perdita, e dunque non pagano imposte: in quest’ottica, la detassazione sarebbe totalmente inutile. Tuttavia, sebbene manchi ancora un pronunciamento dell’Agenzia delle Entrate, si ritiene che essa sia rinviabile secondo le regole sulle perdite.

Immaginiamo che nel 2009 una nuova azienda sostenga ricavi per 5.000, costi per 7.000 e goda di una detassazione teorica di 2.000 euro. In quest’ipotesi, è come se l’impresa abbia una perdita pari a 4.000 euro (5.000- 7.000 – 2.000), che, secondo le regole generali, si rinvierà ad abbattere le future basi imponibili senza limiti di tempo, consentendo quindi la fruizione dell’incentivo quando se ne presenteranno i presupposti.

Rispondi