I poteri di controllo dell’Amministrazione Finanziaria (II)

di Giuseppe Aymerich Commenta

Un potere di fondamentale importanza riconosciuto dalla legge agli organi dell’Amministrazione Finanziaria è quello di convocare..

controllo-fiscale

Un potere di fondamentale importanza riconosciuto dalla legge agli organi dell’Amministrazione Finanziaria è quello di convocare il contribuente inviandogli un avviso di comparizione e chiedergli non solo di presentarsi ma anche di fornire determinata documentazione (di solito si tratta dei libri contabili oppure dei giustificativi di spesa), nonché di fornire chiarimenti e informazioni su specifiche situazioni che appaiono poco chiare.


È anche possibile chiedergli un’attestazione giurata in cui indicare tutti i rapporti intrattenuti con banche e altri intermediari finanziari nell’ultimo quinquennio, al fine di eseguire le opportune verifiche.

Ma, oltre al contribuente sottoposto a verifica, l’Amministrazione può convocare anche terzi con il quale lo stesso intrattiene determinati rapporti: per esempio, si può convocare il cliente di un professionista per chiedergli quanto abbia pagato una certa prestazione, per confrontare tale importo con quello che quest’ultimo ha fatturato e/o dichiarato.


In alternativa alla convocazione, l’Amministrazione Finanziaria può inviare dei questionari al contribuente o ai terzi, chiedendo di restituirli con tutte le risposte entro una certa data.

Ma anche la stessa Pubblica Amministrazione può rappresentare una miniera di informazioni: e pertanto gli agenti del Fisco hanno il potere di ottenere da qualsiasi organo statale, regionale o locale le informazioni in loro possesso. Può essere utile, ad esempio, confrontare l’ICI pagata ad un certo Comune con il numero dei terreni e fabbricati dichiarati all’Erario.

Per concludere la panoramica sui poteri principali dei vari organi di verifica tributaria, anche gli amministratori di condominio possono rivestire un ruolo d’interesse: e dunque, essi possono essere convocati per fornire tutte le notizie rilevanti relative alla gestione condominiale.

Va segnalato che in nessun caso al contribuente o terzo cui siano inviate richieste di informazioni o avvisi di comparizione può essere imposto un termine inferiore a quindici giorni per adempiere.

Rispondi