Guida all’ICI: esenzioni e agevolazioni

di Giuseppe Aymerich Commenta

I singoli Comuni, come già accennato, possono stabilire ipotesi di riduzione o totale esenzione dall’imposta..

I singoli Comuni, come già accennato, possono stabilire ipotesi di riduzione o totale esenzione dall’imposta: queste delibere, naturalmente, hanno efficacia esclusivamente sul territorio del singolo Comune interessato.

Esistono però delle ipotesi di esenzione fissate dalla legge che si applicano sull’intero territorio nazionale. La più nota è stata introdotta nel 2008: il fabbricato che costituisce “abitazione principale” è esente dall’ICI.


Occorre però che l’immobile non rientri nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (non si tratti, dunque, di ville, castelli o case di lusso): in queste ipotesi è comunque riconosciuta una detrazione dall’imposta totale pari a € 103,29.

Se l’immobile è in comproprietà e costituisce “abitazione principale” solo per alcuni dei contitolari, oppure tale qualifica è acquisita o perduta nel corso dell’anno, l’esenzione o la detrazione dall’imposta si applicano in proporzione.


Oltre a questo caso, però, ci sono altre situazioni di esenzione. Sono esenti da ICI tutti i terreni agricoli situati in Comuni classificati come montani: i Comuni montani sono individuati dalla legge uno per uno e costituiscono la maggioranza (sono circa 5.000 su 8.000).

Sono inoltre esenti dal tributo gli immobili adibiti a musei, biblioteche, pinacoteche e simili, nonché le ambasciate e le altre sedi diplomatiche, gli immobili posseduti da enti pubblici, quelli detenuti da ONLUS e altre associazioni per svolgere le loro attività istituzionali, i fabbricati cosiddetti “speciali” classificati nella particolarissima categoria catastale “E” e altre ipotesi minori.

Un caso particolare riguarda gli edifici di culto, soggetti a molte variazioni normative (e altrettante polemiche) nel corso degli anni. Secondo le regole attuali, i fabbricati destinati esclusivamente al culto sono esenti da imposta, mentre se in essi si svolgono attività di natura differente sono regolarmente soggetti ad ICI.

Rispondi