Deduzione delle spese nei paradisi fiscali

di Giuseppe Aymerich Commenta

Fra le numerose norme antielusive presenti nel nostro ordinamento tributario, una delle più importanti è contenuta nell’art. 110 del DPR 917/1986..

banca alle isole cayman

Fra le numerose norme antielusive presenti nel nostro ordinamento tributario, una delle più importanti è contenuta nell’art. 110 del DPR 917/1986, analizzata a fondo nella recente circolare 46/2009 dell’Agenzia delle Entrate.

E’ stabilito che un’impresa può dedurre dal reddito gli oneri relativi all’acquisto di beni e servizi forniti da soggetti residenti in Paesi iscritti nella famigerata “black list” del Ministero delle Finanze, e cioè i paradisi fiscali, soltanto se l’imprenditore stesso dimostra che quel dato fornitore svolge effettivamente al suo Paese un’attività economica, che la spesa si è verificata veramente e che vi sono state reali ragioni aziendali che hanno motivato tale acquisto.


In altre parole, mentre solitamente è l’Amministrazione Finanziaria che deve impegnarsi a trovare validi indizi per confutare la deduzione di spese ritenute fasulle, in quest’ipotesi abbiamo l’inversione dell’onere della prova a danno del contribuente, ed è un onere tutt’altro che agevole da affrontare.
Ma non basta: è anche stabilito che nella dichiarazione dei redditi tali spese devono essere indicate a parte, in un apposito prospetto.


Fino ad un paio di anni fa era stabilito che la mancata indicazione separata impediva la deduzione di tali oneri: ora questa gravissima conseguenza è stata soppressa, ma il contribuente distratto deve comunque pagare una sanzione pari al 10% dell’ammontare complessivo di questi costi, fra un minimo di 500 euro e un massimo di 50.000.

Per quanto invece riguarda la mancata esibizione delle prove sull’effettività e sulla funzionalità di tali spese, la conseguenza è l’illecito di “dichiarazione infedele”: gli oneri sono valutati indeducibili, conseguentemente cresce l’imposta dovuta e in più è applicata una sanzione variabile fra il 100 e il 200% della maggiore imposta così determinata.

Rispondi