Cud 2013 annotazione BQ e redditi esenti

di Stefania Russo Commenta

Il 28 febbraio prossimo scade il termine ultimo per la consegna ai lavoratori dipendenti del Cud 2013, relativo all'anno...

Il 28 febbraio prossimo scade il termine ultimo per la consegna del Cud 2013, relativo all’anno di imposta 2012, ai lavoratori dipendenti. Entro tale data, dunque, i datori di lavoro dovranno provvedere alla compilazione e alla consegna del modello.

Ebbene, a pochi giorni dalla scadenza del termine vengono forniti alcuni chiarimenti in merito alla nuova annotazione BQ del Cud 2013, nella quale ricordiamo i sostituti d’imposta sono tenuti ad indicare i redditi non tassati da loro erogati e che non vanno quindi ad incidere sulle imposte dovute dal contribuente.


Al riguardo è stato chiarito che i sostituti di imposta, relativamente al Cud 2013, non sono tenuti alla compilazione di tale annotazione nel caso in cui i sistemi informativi a loro disposizione non consentano di inserire il dato entro il 28 febbraio. A fronte di ciò, dunque, se il sostituto d’imposta nel corso del 2012 ha erogato soltanto questo tipo di redditi esenti può anche non consegnare il Cud.

L’Agenzia delle Entrate ha spiegato che tale opportunità è stata concessa in considerazione delle possibili difficoltà tecniche applicative incontrate per la gestione del dato, tendendo conto che si tratta di redditi non imponibili, che non vanno indicati nella dichiarazione dei redditi e non che incidono sul calcolo delle imposte dovute dal contribuente.

Tra le principali novità del Cud 2013, ricordiamo, figura il nuovo limite a 6.700 euro del reddito esente per i lavoratori che risiedono in Italia e prestano servizio in zone di frontiera, nonché la maggiore deduzione, per chi lavora per la prima volta, attraverso un plafond accumulato mediante la partecipazione a forme di previdenza complementare.

Rispondi