Codici pagamento rateale canone Rai

di Stefania Russo Commenta

Per i pensionati con reddito non superiore ai 18.000 euro è stata introdotta la possibilità di pagare a rate il canone Rai mediante trattenuta..

Per i pensionati con reddito non superiore ai 18.000 euro è stata introdotta la possibilità di pagare a rate il canone Rai mediante trattenuta mensile sulla pensione e senza applicazione di interessi, per un massimo di 11 rate mensili.

A riguardo l’Agenzia delle Entrate, dopo aver precisato che la richiesta di pagamento rateale va effettuata ogni anno dal pensionato, è intervenuta con la risoluzione n. 131/E per indicare i codici tributo da utilizzare e le modalità di compilazione dei vari campi.


La risoluzione, in particolare, spiega che il codice 393E deve essere utilizzato nel modello F24 dagli enti pubblici e dai soggetti sottoposti al vincolo di tesoreria unica, mentre il codice 3935 deve essere utilizzato nello stesso modello dai soggetti non sottoposti al vincolo di tesoreria unica.

Nel primo caso nel campo “codice tributo/causale” in corrispondenza della colonna “importi a debito versati”, nel campo “sezione” deve essere indicata la voce F (Erario), nel campo “riferimento A” deve essere indicato il mese a cui si riferisce la rata in pagamento (ad esempio, 0001 per il mese di gennaio) e nel campo “riferimento B” l’anno d’imposta a cui si riferisce il versamento. I campi “codice” ed “estremi identificativi” non devono essere compilati.

Nel secondo caso nella “Sezione Erario” e nella colonna “importi a debito versati”, nel campo “rateazione/regione/prov./mese rif.” deve essere indicato il mese cui si riferisce la rata in pagamento (ad esempio, 0001 per il mese di gennaio) e nel campo “anno di riferimento” l’anno d’imposta per cui si effettua il versamento.

Rispondi