Bonus fiscale benzinai dal 2012

di Stefania Russo Commenta

Tra le novità introdotte dalla Legge di Stabilità, oltre a quelle riguardanti il mondo del lavoro (leggi "Novità Legge Stabilità sul lavoro"), figurano....

Tra le novità introdotte dalla Legge di Stabilità, oltre a quelle riguardanti il mondo del lavoro (leggi “Novità Legge Stabilità sul lavoro“), figurano anche delle agevolazioni fiscali riconosciute agli esercenti di impianti di distribuzione di carburante.

Tale agevolazione, in particolare, consiste in una deduzione forfettaria dal reddito di impresa di un ammontare che viene calcolato in base all’ammontare complessivo dei ricavi, in forza di quanto stabilito dall’articolo 53 del Tuir.

AGEVOLAZIONI FISCALI DISABILI

Fino a 1.032.913,80 euro, in particolare, viene riconosciuta una deduzione dell’1,1%, oltre 1.032.913,80 euro e fino a 2.065.827,60 euro viene riconosciuta una deduzione dello 0,6%, mentre oltre 2.065.827,60 euro viene riconosciuta una deduzione dello 0,4%.

Il testo della Legge di Stabilità, oltre a reiterare il bonus fiscale a favore dei benzinai, non prevede alcun limite di spesa, contrariamente a Dl 225/2010, che l’aveva invece prorogato per il periodo di imposta 2011 stanziando risorse limitate per 24 milioni di euro.

BENZINAI LOW COST IN ESPANSIONE

La Legge, in particolare, prevede che per ciascun periodo d’imposta i benzinai dovranno calcolare l’acconto dovuto senza tenere conto della deduzione forfettaria. I maggiori oneri versati verranno poi scontati tramite le aliquote di accisa sulla benzina, sia con che senza piombo, e sul gasolio, fissate per 2012 rispettivamente a 614,20 euro e a 473,20 euro per mille litri di prodotto e per il 2013 a 614,70 euro e a 473,70 euro per mille litri di prodotto.

Tali misure sono destinate a sostenere la crescita dell’economia, in particolar modo le agevolazioni fiscali riconosciute ai benzinai trovano riscontro nel fatto che si tratta di soggetti che incassano giornalmente accise sui prodotti petroliferi.

Rispondi