DURC: il Documento Unico di Regolarità Contributiva (II)

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il Documento Unico attesta che al momento in cui è presentata l’istanza la situazione contributiva..

Il Documento Unico attesta che al momento in cui è presentata l’istanza la situazione contributiva del richiedente è regolare: il che significa che non ha mai commesso violazioni previdenziali, oppure che le ha sanate. Il DURC non è invece rilasciato quando risultano illeciti ancora pendenti, indipendentemente dai propositi di una successiva regolarizzazione.

Per ottenere l’attestazione occorre dunque inviare un’apposita istanza in via telematica presso il sito web di uno degli enti coinvolti (INPS, INAIL, eventualmente Casse Edili) oppure presso il sito dello Sportello Unico Previdenziale.


In alternativa, è consentito presentare la richiesta in formato cartaceo presso gli sportelli dei medesimi enti.

Alla pratica è assegnato un codice identificativo, che permarrà anche in caso di successive altre istanze riferito al medesimo appalto o fornitura. L’ente ricevente verifica la compilazione di tutti i campi del modulo ed eventualmente domanda al richiedente eventuali integrazioni dei dati: se questi non provvede entro dieci giorni l’istanza decade.

In ciascuno dei tre enti, il funzionario competente avvia l’istruttoria necessaria per verificare le condizioni per il rilascio del DURC, sulla base delle informazioni possedute.
Il Documento Unico è quindi rilasciato dalla Cassa Edile, o, in alternativa, dal diverso ente contattato dall’istante, sulla base delle informazioni acquisite presso tutti gli enti coinvolti.
Qualora, invece, anche un solo ente segnali la posizione irregolare dell’impresa, in luogo del DURC sarà emesso un documento che attesta la situazione di irregolarità contributiva.


Se al contrario non vi sono circostanze ostative, il DURC è rilasciato entro trenta giorni dalla richiesta, salvo eventuali sospensioni dovute alla richiesta di integrazione dei dati. Se l’INPS o l’INAIL non hanno terminato le rispettive istruttorie per quella data, vale il principio del silenzio-assenso (che però non può riguardare le Casse Edili), e dunque il DURC è rilasciato ugualmente.

Rispondi