Compilazione 770 Condominio

di Vito Verna Commenta

Anche i condomini sono sostituti d'imposta e, in quanto tali, avrebbero l'obbligo, nella persona dell'amministratore, di presentare allo Stato italiano il modello 770.

Anche i condomini, a partire dal 1998, sono sostituti d’imposta e, in quanto tali, avrebbero l’obbligo, nella persona dell’amministratore, di presentare allo Stato italiano il modello 770, da sempre utilizzato per le ritenute, alla fonte, sia sulle somme corrisposte come lavoro dipendente (esempio calzante, in questo caso, potrebbe essere quello della ditta di pulizie assunta per la manutenzione ordinaria dei locali comuni dello stabile) che come lavoro autonomo (quello, ad esempio, dell’amministratore stesso).

DICHIARAZIONE PREVALENTE DESTINAZIONE ABITATIVA CONDOMINIO

Naturalmente, com’è noto, non tutti i sostituti d’imposto avrebbero l’onere di agire, nel confronti dello Stato, nel medesimo modo e potrebbe essere molto difficile, in alcuni casi, capire come compilare il modulo e quando, dove ed entro quali date presentarlo.

DIVENTARE AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

Ecco, dunque, una veloce guida che spieghi, in maniera semplice ed esaustiva, quali quadri del succitato modello, ovverosia del modello 770, l’amministratore di un qualsiasi condominio, in quanto sostituto d’imposta, sarebbe tenuto a compilare.

AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO IN ITALIA

Ebbene, stando alle più recenti indicazioni sul merito, i quadri che andrebbero sempre compilati dal condominio sarebbero:

il quadro SC, relativo ai percipienti redditi di lavoro autonomo

il quadro SE, relativo alle percipienti provvigioni corrisposte a qualsiasi titolo

il quadro SW, relativo alle comunicazioni degli amministratori

Inoltre, a partire dal 2011, sarebbe facoltativa la compilazione anche del quadro SY che, come forse qualcuno saprà, sarebbe necessario al’ottenimento delle adeguate agevolazioni in caso di ristrutturazioni edilizie afferenti alla detrazione 36 piuttosto che alla detrazione 55.

Rispondi