Come ottenere un prestito d’onore per aprire un’attività

di Vito Verna Commenta

Il finanziamento consisterebbe nell'erogazione di un prestito la cui caratteristica principale sarebbe quella di essere, almeno in parte, a fondo perduto.

Il prestito d’onore, come forse qualcuno già saprà, altro non sarebbe che una forma di autofinanziamento, sotto forma di prestito concesso a condizioni particolarmente vantaggiose, dedicato a tutti quelli che necessiterebbero di un capitale iniziale per l’apertura di una qualsiasi attività imprenditoriale.

PRESTITI GARANTITI AI GIOVANI PER FARE IMPRESA

Il provvedimento in questione, introdotto con la legge 608 del 1996 ed aggiornato grazie al decreto legge 185 del 2000, prevederebbe la possibilità, per il giovane disoccupato (italiano o straniero che sia) che intenderebbe divenire imprenditore, di avere eccesso al credito delle banche in maniera quanto mai agevolata.

Il finanziamento, in particolar modo, consisterebbe nell’erogazione di un prestito la cui caratteristica principale sarebbe quella di essere, almeno in parte, a fondo perduto.

INVESTIRE NEI GIOVANI COL PRESTITO D’ONORE

Il futuro imprenditore, in questo modo, potrebbe godere dell’opportunità di non dover sostenere tutti i costi di un prestito o di un finanziamento tradizionale visti e considerati i numerosi impegni, economici, finanziari, tecnici e gestionali, che graverebbero su qualsiasi nascente attività.

Naturalmente, come si potrebbe facilmente intuire, la concessione del succitato prestito d’onore sottosterebbe al soddisfacimento di determinati e particolarissimi requisiti che, per completezza, andremo adesso ad elencare.

Il futuro imprenditore, per poter richiedere un prestito d’onore, dovrebbe:

aver raggiunto la maggiore età

essere cittadino italiano

essere cittadino europeo residente sul suolo italiano da almeno 6 mesi

CHE COS’E’ IL PRESTITO D’ONORE

Per maggiori informazioni, nonché per i dettagli sull’iniziativa, consigliamo di visitare il sito internet di Invitalia, all’indirizzo invitalia.it, ovverosia dell’Agenzia nazionale per l’attrazione d’investimenti e lo sviluppo d’impresa Spa.

Rispondi