ARUBA PEC per risparmiare sulla posta elettronica

di Vito Verna Commenta

Come sicuramente moltissimi di voi certamente sapranno entro e non oltre sabato 30 giugno 2012 tutte le piccole e medie imprese italiane dovranno possedere un indirizzo di posta elettronica certificato.

ARUBA PEC per risparmiare sulla posta elettronica

Come sicuramente moltissimi di voi certamente sapranno entro e non oltre sabato 30 giugno 2012 tutte le piccole e medie imprese italiane, ovverosia tutte le realtà imprenditoriali debitamente iscritte al Registro delle Imprese e come ormai da tempo ampiamente previsto e stabilito dall’art. 16, D.L. 29/11/2008 n. 185, dovranno possedere un indirizzo di posta elettronica certificato.

KEEPOD PER GESTIRE L’AZIENDA IN MOBILITA’

L’offerta, anche in questo caso, è quanto mai ampia e differenziata e, purtroppo, riuscire a fare la scelta perfetta, in un ambito così importante ed allo stesso tempo quanto mai delicato, potrebbe risultare essere veramente molto difficile poiché, e in un caso come questo l’esperienza sarebbe veramente maestra, si potrebbe finire per rimanere vittime di offerte non già adeguate alla nostra particolare situazione che, come si potrebbe facilmente intuire, potrebbero farci spendere, a dire il vero inutilmente, importanti risorse economiche e finanziarie.

SCOVARE E DEBELLARE IL FLAME MALWARE DALLA RETE AZIENDALE

A tal proposito, dunque, sarebbe bene informare gli interessati e gli indecisi delle numero offerte disponibili online e, in particolar modo, di quella offerta da un gestore certificato italiano che, tra tutti quelli presenti sul mercato, sarebbe a tutti gli effetti da considerarsi uno dei più affidabili nonché, naturalmente, uno dei più economici.

PROTEGGERE LA RETE AZIENDALE DAL PHISHING E DAL TABNABBING

Stiamo parlando di ARUBA PEC che, ad un irrisorio costo mensile i cui dettagli trovate all’indirizzo internet pec.it, sarebbe in grado di offrire singole caselle di posta elettronica certificate, strumenti per l’adeguata autenticazione della firma digitale e, infine, la certificazione temporale dei più differenti documenti inviati.

Rispondi