Nel bilancio UE l’Italia ci rimette

di Giuseppe Aymerich Commenta

Ognuno dei ventisette Stati comunitari effettua ogni anno numerosi versamenti a favore di Bruxelles e riceve a propria volta contributi..

bandiere-europee

Ognuno dei ventisette Stati comunitari effettua ogni anno numerosi versamenti a favore di Bruxelles e riceve a propria volta contributi a vario titolo. Naturalmente non c’è proporzione fra quanto si dà e quanto si riceve: le nazioni più ricche necessariamente vanno in perdita al contrario di quelle più povere.

D’altronde nei summit semestrali fra capi di Stato e di governo, l’argomento principale delle discussioni che spesso paralizzano i lavori sono proprio quelle dirette ad ottenere di più o versare di meno.


Le risorse UE derivano da tre fonti principali: una quota significativa del gettito IVA; i dazi e le altre misure protezionistiche; i versamenti diretti dello 0,73% del PIL di ciascuno Stato membro.

Posto che circa il 5,7% di queste risorse sono “consumate” dagli uffici e dagli organi comunitari per il loro funzionamento, come sono distribuite le risorse restanti? Su diversi fronti: le misure dirette e indirette a sostegno dell’agricoltura; gli incentivi alla ricerca scientifica; la formazione universitaria e post-universitaria, a partire dal progetto Erasmus; l’aiuto alle imprese; le opere di infrastrutturazione: strade, comunicazioni, ferrovie…


Ebbene, i Paesi più ricchi sembrano rimetterci significativamente nell’intercambio di fondi con la UE: situazione che accomuna la Germania, la Francia, il Regno Unito, la Spagna, l’Olanda, la Danimarca e altre nazioni ancora, come l’Italia. Il nostro Paese, infatti, verserà nel sessennio 2007-2013 circa 116 miliardi di euro a fronte di circa 70 miliardi che “torneranno a casa”. Ogni cittadino, dunque, in media avrà un saldo negativo pari a circa 778 euro.

Molto meglio, ovviamente, andrà ai cittadini di Paesi più sostenuti, dalla Lettonia alla Bulgaria. Anche se i beneficiari principali, battendo di gran lunga ogni concorrente, sono sorprendentemente i lussemburghesi: nelle loro tasche entreranno circa sedicimila euro in più pro-capite.

Rispondi