Taglio costi burocrazia per le imprese artigiane

di Filadelfo Scamporrino Commenta

A partire da martedì scorso, 1 novembre del 2011, nella Regione Piemonte sono stati attivati i “CAT”, i di assistenza tecnica per l’artigianato grazie ai quali le imprese del settore potranno avere vita più facile per quel che riguarda gli adempimenti di natura burocratica.

A partire da martedì scorso, 1 novembre del 2011, nella Regione Piemonte sono stati attivati i “CAT”, i centri di assistenza tecnica per l’artigianato grazie ai quali le imprese del settore potranno avere vita più facile per quel che riguarda gli adempimenti di natura burocratica.

In particolare, secondo quanto reso noto dall’Amministrazione regionale, su tutto il territorio piemontese ci sono attualmente attivi ben 70 gli sportelli di assistenza tecnica per l’artigianato, così distribuiti: 4 in Provincia di Vercelli, 12 in Provincia di Alessandria, 9 nell’area di Verbano-Cusio-Ossola, ben 19 in Provincia di Torino. Ed ancora 7 in Provincia di Asti, 10 a Novara, 5 a Cuneo e 4 a Biella.



CREDITO IMPRESE PER SUPERARE LA CRISI

Per attivare i CAT, accreditati dalla Regione Piemonte, sono state stanziate risorse per 1,1 milioni di euro. Nel dettaglio, i centri di assistenza tecnica per l’artigianato sono rappresentati dai CAT Imprese Piemonte della Cna Casartigiani, CAT Unsic e CAT Confartigianato Piemonte, i quali quindi sono a disposizione delle imprese del settore per l’erogazione di servizi anti-burocrazia, e per l’attivazione di progetti di assistenza.

IMPRESE ITALIANE LE PIU’ TASSATE IN EUROPA

Tra i servizi offerti dai CAT rientrano quelli per la promozione commerciale, per la consulenza e per la formazione nel campo dell’innovazione tecnologica, ma anche per la certificazione di servizi, di imprese e di prodotti, nonché per la sicurezza sul lavoro, l’igiene e la tutela dell’ambiente. In caso di necessità, per tutte le Province piemontesi, sono attivi anche dei numeri di telefono, che sono dei veri e propri canali di pronto intervento, dei 118 anti-burocrazia.

Rispondi