Rimborsi Equitalia più facili

di Giuseppe Aymerich Commenta

Ottemperando al dettato del decreto legge 112/2008, Equitalia ha predisposto i moduli per la richiesta di rimborso che il contribuente..

equitalia

Ottemperando al dettato del decreto legge 112/2008, Equitalia (la società pubblica che da alcuni anni è concessionaria unica della riscossione dei tributi sull’intero territorio nazionale) ha predisposto i moduli per la richiesta di rimborso che il contribuente può esercitare nelle ipotesi di versamento in eccesso.

L’esempio più frequente è quello del pagamento effettuato due volte, tipico soprattutto nelle società di grande o grandissima dimensione che eseguono centinaia di pagamenti diversi quotidianamente e in cui dunque gli errori sono all’ordine del giorno.


Secondo il nuovo sistema, certo più vantaggioso per il contribuente, non tocca più a quest’ultimo di accorgersi di aver pagato più del dovuto in seguito al ricevimento di una cartella di pagamento, bensì ad Equitalia stessa.

Sarà perciò il concessionario ad attivarsi dopo aver verificato un incasso eccessivo e a dover inviare al cittadino i moduli con la richiesta di rimborso e tutte le informazioni necessarie perché egli possa conoscere esattamente da quali versamenti si è originato tale suo credito. La comunicazione conterrà inoltre i recapiti cui rivolgersi per avere maggiori chiarimenti e l’indicazione dei documenti da esibire o conservare.

Al contribuente sarà inoltre consentito di scegliere le modalità con cui preferisce ottenere il rimborso: mediante pagamento diretto presso gli sportelli di Equitalia, personalmente o inviando un proprio delegato, oppure tramite bonifico bancario (fornendo ovviamente le opportune coordinate).


Il modulo può essere consegnato a mano dal contribuente oppure inviato via fax. Sono però richieste due condizioni: innanzitutto, la somma da richiedere a rimborso dovrà essere superiore a cinquanta euro e, in secondo luogo, la richiesta dovrà essere inviata ad Equitalia entro novanta giorni dalla data del ricevimento della comunicazione.

Rispondi