Lavori in corso su ordinazione – aspetti contabili e fiscali (I)

di Giuseppe Aymerich 1

Le imprese svolgono fondamentalmente due tipologie di attività: cessione di beni e prestazione di servizi..

impresa

Le imprese svolgono fondamentalmente due tipologie di attività: cessione di beni e prestazione di servizi. Solitamente l’impresa che cede beni sul mercato predispone uno stock più o meno ampio a seconda delle previsioni sulla domanda e fa il possibile per vendere tutti i prodotti.

Altre volte, però, prima arriva l’ordinazione del cliente e solo sulla base di quello si inizia a lavorare: in pratica il prodotto è realizzato su misura, a seconda delle esigenze del committente. Questo avviene in numerosi campi, ma il più importante è certo quello degli appalti pubblici.


Quando una commessa è ancora in corso d’opera al 31 dicembre, sorge il problema di dare un valore alle rimanenze. Le rimanenze finali, ricordiamolo, costituiscono una componente positiva di reddito e la regola generale è quella di non indicare in bilancio nessun ricavo che non sia stato definitivamente conseguito (“principio di prudenza”). Questo comporta, come regola generale, che le rimanenze siano valutate sulla base dei costi effettivamente sostenuti.


La regola descritta, tuttavia, incontra alcune eccezioni. Fra le altre, è consentito valutare le rimanenze dei lavori su commessa non sulla base dei costi bensì dei ricavi “ragionevolmente maturati”.
Qual è la logica? Dato che i lavori in corso su ordinazione si protraggono talvolta per molti anni, appare corretto che il margine di guadagno sia ripartito lungo l’intero arco temporale.

Immaginiamo una commessa di durata quadriennale per cui sono previsti costi totali pari ad un milione di euro e ricavi pari a € 1.500.000: il profitto dell’operazione (pari a mezzo milione) è più corretto distribuirlo lungo i quattro anni anziché considerarlo un reddito maturato solo alla fine.
Ma dal punto di vista pratico, questo cosa comporta?

Commenti (1)

  1. Io dovrei fare la tesi sui lavori in corso su ordinazione, non è che è possibile vedere qualche caso pratico…

Rispondi