L’home banking si diffonde in Italia

di Luca Bruno Commenta

Negli ultimi anni la possibilità di gestire il proprio conto si è ulteriormente allargata anche a telefoni cellulari e palmari, di..

palmare

Negli ultimi anni il conto corrente online è diventato una realtà anche nel panorama bancario italiano.

Sono ormai quasi l’8% gli italiani che utilizzano per la gestione del proprio conto bancario l’home banking, ovvero la possibilità di gestire il proprio conto, dall’effettuazione di bonifici al monitoraggio dell’andamento dei risparmi alle altre comuni operazioni, direttamente dal proprio computer di casa.

Negli ultimi anni la possibilità di gestire il proprio conto si è ulteriormente allargata anche a telefoni cellulari e palmari, di modo che praticamente si può operare come se si fosse davanti allo sportello bancario ovunque ed a qualunque ora del giorno e della notte.


Le tipologie di banche che offrono il servizio di home banching essenzialmente si dividono in due categorie: ci sono le banche tradizionali che invitano i propri clienti ad operare anche attraverso la rete, e ci sono banche che operano esclusivamente online.


E’ importante riconoscere questa differenza perchè in termini pratici significa sapere se si ha a disposizione anche un eventuale contatto fisico o se tutte le informazioni e richieste avvengono attraverso comunicazioni telematiche.

In ogni caso è anche vero che le migliori banche online offrono comunque un servizio di consulenza e personale cui ci si può rivolgere previo appuntamento per eventuali operazioni che non si riescono o non si vuole eseguire online.

E’ opportuno ricordare che molte banche tradizionali hanno un enorme vantaggio dall’home banking, che per esse si traduce in termini di riduzione dei costi e del numero di personale e di disponibilità agli sportelli.

Questo dovrebbe significare un costo minore di gestione del proprio conto, ed interessi più elevati per il cliente, anche se non sempre ciò accade.

Un motivo del successo delle banche solo online è la possibilità che esse hanno di offrire costi interessi maggiori e costi di gestione del conto minori.

Anche se bisogna fare attenzione a capire sia la solidità della banca cui si affidano i propri risparmi, sia di verificare accuratamente se gli interessi offerti così come vengono comunicati sono effettivamente tali oppure debbano intendersi al lordo delle imposte, e valutare quindi, soprattutto coloro che sono attratti dalle banche online per il vantaggio legato agli interessi maggiori, che ci sia realmente una convenienza.

Rispondi