Nei consumatori cresce la fiducia verso il futuro

di Giuseppe Aymerich Commenta

L’istituto statistico ISAE ha diffuso i dati su un’indagine promossa periodicamente: ad essere misurata è la fiducia che..

crisi dei consumi

L’istituto statistico ISAE ha diffuso i dati su un’indagine promossa periodicamente: ad essere misurata è la fiducia che i consumatori esprimono sulla propria situazione personale per i mesi che verranno.

Ebbene, su duemila persone intervistate nelle prime due settimane di dicembre, è emerso un punteggio pari a 113,7. Questo punteggio, che pondera diversi valori, è di difficile lettura per i profani; ma è sufficiente sapere che si tratta del punteggio più alto dal luglio 2002.


Probabilmente l’idea che, dopo la crisi, d’ora in avanti si possa risalire ha avuto il suo peso, così come il fatto che complessivamente il sistema-Italia, in termini di inflazione e disoccupazione, abbia tenuto abbastanza bene, perlomeno in confronto ad altri Paesi come la Spagna o l’Irlanda.

Se però gli italiani appaiono fiduciosi per un personale 2010 migliore del 2009 che sta andando a chiudersi, il discorso appare diverso per le riflessioni di carattere più generale. Le prospettive sull’economia nazionale, infatti, vanno abbassandosi dal punteggio 93,7 a 92,6, ed è l’unico indicatore fra i tanti analizzati dall’indagine dell’ISAE che registra una variazione negativa.

I risultati di quest’indagine sono confermati dal professor Sandro Castaldo, esperto di marketing dell’università Bocconi, intervistato dal “Sole 24 Ore”. Castaldo segnala che la miglior dimostrazione di questa crescita della fiducia è data dal (sia pur modesto) incremento dei consumi negli ultimi mesi, dopo mesi di continua e profonda decrescita, ma anche dal rialzo dei valori di Borsa dopo un annus horribilis.


Secondo il professore, il motivo della crescita della fiducia è da ricercarsi nella necessità di ridurre le spese quotidiane nei mesi passati: questo fatto, secondo Castaldo, “incide in maniera particolare sulla percezione delle persone, migliorandone le aspettative”.

Rispondi