Logica di filiera e assistenza tecnica per le fiere del futuro

di Giuseppe Aymerich Commenta

In vista dei principali appuntamenti fieristici del 2010 in Italia e all’estero, le aziende espositrici stanno studiando le strategie migliori per massimizzare il rendimento di questi eventi..

In vista dei principali appuntamenti fieristici del 2010 in Italia e all’estero, le aziende espositrici stanno studiando le strategie migliori per massimizzare il rendimento di questi eventi che, anche nell’era di Internet, rimangono un momento di enorme rilevanza per far conoscere le proprie produzioni, specialmente nei comparti delle forniture industriali.


Due sono le strade principali che in questi giorni vengono indicate come da battere. La prima riguarda l’integrazione fra fornitori diversi in una logica più di filiera che di territorio (come invece avviene solitamente): in effetti, il potenziale cliente appare spesso interessato a mettere insieme i pezzi di una stessa struttura di prodotto.

Ecco, quindi, che un’offerta integrata e un’esposizione comune da parte del realizzatore del prodotto principale e dei fornitori della componentistica, degli accessori e dei servizi di supporto può rivelarsi la carta vincente verso quei committenti che non possono accontentarsi di uno solo di questi elementi.

La seconda strada che viene indicata è quella che consiste nella rivisitazione del concetto stesso di esposizione fieristica. Non si tratta più, semplicemente, di esporre i prodotti con il cartellino del prezzo (in effetti, un sito web assolve alla stessa funzione in maniera pressoché identica) ma anche di andare oltre, di guidare il cliente a capire il prodotto, a comprendere cosa si accompagna ad esso, a quali esigenze esso può sopperire, a quali risultati il suo utilizzo può condurre.


In altre parole, occorre che sul posto sia presente personale specializzato in grado di assistere e guidare l’acquirente verso ciò che effettivamente si confà alle sue richieste, fino eventualmente a mettere in luce un’offerta tagliata su misura e personalizzata per lo stesso, e che può costituire il quid decisivo per superare la concorrenza.

Rispondi