Italia supera il Regno Unito su base PIL

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il prodotto interno lordo dell’Italia è stato superiore, nel III terzo trimestre 2009, a quello del Regno Unito..

banca d'italia

Il prodotto interno lordo dell’Italia (il dato macroeconomico che, meglio di ogni altro, indica la ricchezza prodotta in una nazione) è stato superiore, nel III terzo trimestre 2009, a quello del Regno Unito, che ci sopravanzava da diversi anni. Il dato espresso in sterline, riportato dal Daily Telegraph, è il seguente: 350 miliardi italiani contro 348 britannici.

Grazie a questo sorpasso, sia pur risicato, l’Italia diventa la sesta nazione al mondo in questa specialissima classifica, dopo Stati Uniti, Cina, Giappone, Germania e Francia.


Mentre da noi la notizia è passata in sordina, i quotidiani d’Oltremanica hanno puntato l’indice contro il grave stato di difficoltà dell’economia inglese e contro la debolezza della sterlina sui mercati internazionali, tanto che l’ipotesi che Londra finisca per aderire all’euro non è più così improbabile.

Non è da escludere, comunque, che l’idea che la denigratissima Italia stia reagendo meglio (o meno peggio, secondo i punti di vista) alla crisi globale sia visto dagli osservatori britannici come uno smacco difficile da digerire.


Il punto di forza su cui si regge l’economia industriale del nostro Paese è certamente costituito dai distretti, efficienti e radicati in ogni angolo della Penisola, e che rappresentano un’esperienza poco diffusa altrove. Nei distretti, in cui di fatto è concepito e globalizzato il made in Italy, avviene un fitto interscambio di conoscenze fra gli aderenti, che consente di competere con successo in molti mercati e settori.

Secondo alcuni analisti, anzi, non è vero che in Italia non si fa ricerca, poiché le statistiche condotte sul tema esaminano principalmente i grandi laboratori e le università, tralasciando il contributo delle medie e piccole realtà aziendali.

Qualunque sia il segreto della resistenza italiana alla crisi, comunque, l’unica cosa sicura è che in Inghilterra si lambiccano il cervello per capirlo.

Rispondi