Il rating delle PMI cala continuamente

di Giuseppe Aymerich Commenta

Gli accordi internazionali noti come “Basilea 2” hanno cambiato profondamente i rapporti fra banche e aziende..

soldi

Gli accordi internazionali noti come “Basilea 2” hanno cambiato profondamente i rapporti fra banche e aziende. Per evitare che gli istituti di credito possano vedere a rischio la propria solidità finanziaria e patrimoniale, essi sono tenuti, fra le altre cose, ad attribuire un giudizio sulla solvibilità attribuibile a ciascun soggetto che richiede un prestito.

Questa valutazione, definita comunemente “rating”, incide sulle disponibilità liquide che la banca deve detenere senza investirle: senza scendere nei dettagli (esistono formule matematiche piuttosto complesse), è sufficiente dire che quanto più una banca finanzia imprese con scarso rating, tanto più è obbligata ad immobilizzare risorse (con tutti i relativi oneri) per non compromettere la propria stabilità finanziaria.


La conseguenza inevitabile è rappresentata da un forte irrigidimento delle banche verso gli aspiranti mutuatari: gli istituti di credito tendono a respingere le richieste di finanziamento provenienti dalle imprese meno solide, oppure, più frequentemente, ad accettarle imponendo però tassi d’interesse molto onerosi.


Questo fenomeno, esistente da diversi anni, si è ulteriormente incrementato a seguito della crisi globale, che ha ridotto al lumicino la già carente affidabilità della maggioranza delle aziende italiane, soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni, che negli ultimi mesi si sono viste attribuire un rating sempre meno lusinghiero.

L’istituto Cerved ha recentemente condotto un’indagine statistica in proposito. Risulta che oltre i due terzi delle PMI (per l’esattezza, il 67,3%) hanno visto calare il proprio rating nel corso degli ultimi dodici mesi. Inoltre, una su tre ha oggi un rating così scarso da far sorgere seri dubbi sulle sue stesse speranze di sopravvivenza sul mercato.

Ad essere interessate sono soprattutto le imprese del Centro e del Sud, il cui accesso ai finanziamenti bancari appare perciò, giorno dopo giorno, sempre più difficoltoso.

Rispondi