Classificazione dei costi per discrezionalità e controllabilità

di Giuseppe Aymerich Commenta

Oltre ai più comuni criteri di classificazione dei costi, ne esistono altri..

Oltre ai più comuni criteri di classificazione dei costi di produzione, analizzati negli articoli precedenti, ne esistono altri, meno conosciuti, che sono impiegati soprattutto dalle aziende di maggiori dimensioni, mentre appaiono un po’ superflui per le ditte medie e piccole.

Uno di questi metodi distingue i costi sulla base del grado di discrezionalità che vi sovrintende. I costi parametrici, in particolare, sono quelli che sono sostenuti per motivi tecnici su cui c’è poco da decidere. Se per produrre due unità di Y occorre acquistare un’unità di X che costa 20 euro e il nostro obiettivo è produrre 1.000 Y, si spenderanno in tutto 10.000 euro: e su questo costo c’è poco da trattare.


Se invece dobbiamo decidere quante risorse destinare alla pubblicità oppure alla ricerca, saremo noi a valutare quanto destinarvi, in base all’utilità di queste funzioni e alle risorse disponibili: tali costi sono cioè puramente discrezionali.
Un’analisi più raffinata inserisce fra parametrici e discrezionali anche la categoria dei costi vincolati: sono quelli che siamo obbligati a sostenere oggi perché in passato sono state prese decisioni su cui non si può tornare indietro.
L’ultimo criterio di classificazione da esaminare distingue i costi controllabili e quelli incontrollabili. Ipotizziamo una grande azienda con molte filiali, ognuno delle quali è diretta da un responsabile.
La sede centrale, ovviamente, si troverà periodicamente a valutare l’operato del direttore per stabilire se mantenerlo in carica o sostituirlo; fra gli aspetti da valutare, naturalmente, ci saranno anche le capacità del direttore di tenere sotto controllo la struttura dei costi.


Esistono, tuttavia, costi che la singola filiale non può evitare perché derivanti da decisioni prese dall’alto; l’esame, perciò, non può che concernere quelli che invece dipendono dalle sue scelte. Ecco, quindi, la distinzione fra i costi controllabili e gli incontrollabili.

Fonte: nostra elaborazione

Rispondi