Troppe agenzie di viaggio sul mercato

di Giuseppe Aymerich Commenta

Anche nell’era di Internet e delle prenotazioni on line, le agenzie di viaggio continuano a contare su un ampio numero di clienti tradizionalisti..

Anche nell’era di Internet e delle prenotazioni on line, le agenzie di viaggio continuano a contare su un ampio numero di clienti tradizionalisti.

Si tratta, per lo più di viaggiatori in cerca di viaggi organizzati oppure che desiderano o hanno la necessità di raggiungere mete lontane e fuori mano; oppure, si tratta di clienti che hanno poca dimestichezza con le nuove tecnologie e preferiscono spendere qualcosa in più per affidarsi alla competenza di professionisti della vacanza; o, ancora, c’è l’ampio mercato dei cacciatori di offerte, pronti ad approfittare dei last-minute che le agenzie mettono in cantiere con assiduità.


Se dal lato della domanda, dunque, le agenzie di viaggio continuano ad avere soddisfazioni, è dal lato dell’offerta che sorgono pesanti problemi. Infatti, le ditte operanti sul mercato sono fin troppo numerose e continuano a crescere: sono oggi quasi 2.500, per un totale di oltre tredicimila punti-vendita. Secondo gli addetti ai lavori, si sfora di almeno il 30% il numero “giusto” per le dimensioni del mercato italiano; e, nonostante questo, il totale continua a salire.

Né l’apertura di nuove ditte appare scoraggiato dal numero imponente di quelle che chiudono: la crisi dei consumi che si è abbattuta negli ultimi due anni, infatti, ha solo accelerato una situazione già dì per sé pesante.


Il guaio è che un’agenzia di viaggio ha un guadagno medio sul fatturato molto modesto: fra l’uno e il tre percento; pertanto si stima che il volume d’affari annuo debba essere almeno di settecentomila euro (un livello piuttosto alto), e questo non certo per navigare nell’oro ma solamente per sopravvivere.
È per questo che gli operatori chiedono alle istituzioni di fissare nel settore delle barriere all’entrata, peraltro molto difficili da coniugare con la libertà d’impresa stabilita dalle leggi italiane e comunitarie.

Rispondi