Televisori 3D trainano il mercato

di Giuseppe Aymerich Commenta

La tecnologia della tridimensionalità delle immagini non interessa solamente il cinema..

La tecnologia della tridimensionalità delle immagini non interessa solamente il cinema: anche nel mercato dei televisori tutti concordano che sarà la tendenza vincente della produzione dei prossimi anni.
I miglioramenti tecnologici, d’altronde, fanno continui passi in avanti, e si ritiene che entro cinque anni non ci sarà nemmeno più bisogno dei famosi occhialini. In effetti, il vero problema del settore, almeno per ora, è l’assoluta povertà dei contenuti: sono oggi ancora pochissimi i film e i programmi “fabbricati” con tecnologia 3D, perciò per la gran parte del tempo anche il televisore più avanzato non può che trasmettere contenuti simili a quelli di un elettrodomestico tradizionale.


In ogni caso, attualmente i televisori in 3D occupano una quota di mercato globale intorno al 5%; si ritiene, però, che entro il 2014 questa dovrebbe raggiungere una fetta fra il 35 e il 40%.
Il secondo fenomeno che interesserà il mercato dei televisori, inoltre, è l’interattività con gli spettatori e i possibili accessi con il web, ma al momento non esistono ancora previsioni affidabili su quali saranno le conseguenze nel mercato.
Spostandoci a controllare il mercato mondiale in generale, nel corso del 2010 dovrebbero essere venduti in tutto 230 milioni di televisori, mentre nel 2014 si dovrebbe arrivare a 250 milioni. In realtà, i mercati più evoluti (Nordamerica ed Europa) cominciano a segnare il passo: la crescita della domanda, infatti, proviene prevalentemente dalla Cina, dalla Corea del Sud e dalle altre “tigri asiatiche”.


Non scompaiono dalla produzione i tradizionali televisori a tubo catodico: hanno infatti ancora ottimi sbocchi nei Paesi in via di sviluppo. Nei Paesi avanzati, invece, gli schermi ultrapiatti a cristalli liquidi superano nelle preferenze quelli al plasma.
Infine, il primo produttore al mondo è Samsung, seguito da Lg e Sony.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Rispondi