Imprenditrici straniere in costante crescita

di Giuseppe Aymerich Commenta

Molti quotidiani hanno messo in risalto un dato particolare, fra tutti quelli diffusi da Infocamere e riferiti all’anno 2008: la crescita..

donna indiana

Molti quotidiani hanno messo in risalto un dato particolare, fra tutti quelli diffusi da Infocamere e riferiti all’anno 2008: la crescita imponente, pur in questo periodo di profonda crisi, delle imprese registrate alla Camera di Commercio e guidate da donne di origine straniera.

Mentre infatti il numero complessivo delle imprese ristagna e anzi segna una lieve diminuzione (e le previsioni per il 2009 sono ben più negative), le partite IVA aperte da donne immigrate da altri paesi comunitari e soprattutto, dall’Est, dall’Africa o dall’Oriente sono in continuo aumento: il7,8% in più rispetto all’anno precedente, per un totale di 46.712 alla data del 31 dicembre scorso.


Un dato persino superiore rispetto a quello, pur ragguardevole, degli imprenditori immigrati di sesso maschile, che nel 2008 sono cresciuti del 6,3%.

Le straniere rappresentano in tutto il 5,8% del totale delle donne imprenditrici in Italia, pari a circa 806mila, e provengono per lo più dalla Cina: ristoranti, negozi di abbigliamento e negozi di oggettistica sono le attività più diffuse, ma non scarseggiano nemmeno imprese di pulizie e di comunicazione.


I dipendenti sono quasi tutti della medesima nazionalità della titolare, ma non è più così raro che siano italiani.
Piuttosto ridotti i rapporti con le banche: in genere i prestiti per avviare l’attività provengono dalle tasche di parenti e connazionali.

L’immigrazione femminile nel nostro Paese è sostanzialmente agli inizi e questo spiega punte di crescita così elevate, con margini di ulteriore aumento ancora enormi. Fra le motivazioni principali che spingono una donna immigrata nel nostro Paese a giocare la carta aziendale sono sia l’universale inventiva dell’imprenditore, sia la volontà di sfuggire allo sfruttamento cui frequentemente i lavoratori extracomunitari sono sottoposti.

Rispondi