Aumenta l’inflazione nel mese di giugno

di Fabrizio Martini Commenta

L'inflazione cresce nel mese di giugno rispetto al mese di maggio, quando era rimasta stabile.

iva

Da punto di vista dellinflazione le cose sono cambiate nel mese di giugno, rispetto al precedente mese di maggio. L’inflazione era rimasta stabile nel mese di maggioma a giugno il livello dei prezzi è sensibilmente aumentato e quindi fare la spesa costerà di più per tutti i consumatori italiani. Dei dati e delle rilevazioni che potrebbero aggravare la situazione dei consumi in Italia, che sono nettamente crollati ormai da diversi trimestri.

E’ tornata infatti a crescere l’inflazione in Italia e il paniere dei beni determinato dall’Istat costa di più. Questo significa che comprare lo stesso carrello della spesa richiede più soldi da sborsare per una famiglia italiana. Nel mese di giugno l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività, che viene indicato con l’acronimo di Nic. è cresciuto di 30 punti base, pari allo 0,3%. Da questa rilevazione del paniere contenuto nel Nic sono inclusi anche i tabacchi.

La crescita dello 0,3% è su base mensile, infatti la rilevazione del dato va confrontata con la variazione nulla del mese di maggio, che aveva visto l’inflazione e il livello dei prezzi rimanere pressoché stabili.

Il dato è imbarazzante rispetto a giugno 2012. Rispetto ad un anno fa infatti i prezzi sono aumentati dell’1,2%. E’ stata quindi consolidata la tendenza di maggio 2013, mese in cui è stato registrato il primo rialzo da agosto 2012 nel tasso di variazione annuale.

La ripresa dell’inflazione è stata stimolata dai prezzi dei beni energetici non regolamentati, che sono infatti cresciuti ben dello 0,6% rispetto a maggio.

Altri aumenti che hanno pesato sulla crescita dell’inflazione sono stati quelli dei beni alimentari non lavorati, che hanno staccato un +1,4%;  in particolare si è distinta la frutta fresca che costa il 6,9% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e il settore dei servizi relativi ai trasporti che registra un aumento dello +0,7%.

Rispondi