Analisi settore immobiliare

di Giuseppe Aymerich Commenta

La compravendita di case d’abitazione nel corso del 2009 ha subito una pesante contrazione rispetto al già non esaltante 2008..

La compravendita di case d’abitazione nel corso del 2009 ha subito una pesante contrazione rispetto al già non esaltante 2008: si stima che il calo del fatturato sia pari al -11,7%, con una discesa da 113,5 miliardi di euro a 100,2.

Tuttavia, nell’ultimo trimestre si è registrata una modesta inversione di tendenza, in particolare a Roma e nel resto del Centro Italia.


La crisi delle cessioni di case si è avvertita più forte nei Comuni minori, soprattutto nel Nord, mentre nelle città è stata più contenuta. In tutti i casi, nessuno sgonfiamento di una bolla immobiliare simile a quanto avvenuto negli Stati Uniti, in Spagna e altrove: i prezzi di vendita sono complessivamente calati, sia per una diminuzione della domanda che per l’eccessivo apprezzamento degli anni passati, ma senza gli sfracelli registratisi all’estero.
Per il 2010 è comunque prevista una crescita del settore, che dovrebbe stabilizzarsi intorno alle 600.000 cessioni annue. Il settore più reattivo dovrebbe essere quello della fascia medio-alta, mentre gli atti di cessione relativi alle abitazioni di minori dimensioni saranno meno interessati dalla ripresa.


Fra le cause della difficoltà del settore, vi è ovviamente la crisi globale, con tutto il campionario di sventure che l’accompagnano: crollo del potere d’acquisto, perdita del posto di lavoro, negazione del mutuo da parte delle banche o concessione a costi molto onerosi…

Sul fronte degli affitti, invece, non vi sono grandi notizie da segnalare: la crisi si è appena fatta sentire, con una contrazione degli affari nettamente inferiore all’uno percento. Si stima che la rendita annua che matura mediamente per i proprietari di appartamenti dati in affitto sia pari al 3,8% al lordo delle tasse.

Rispondi