Agricoltura fra crisi e ripresa

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il settore agricolo ha subito in misura pesante l’avvento della crisi globale..

Il settore agricolo ha subito in misura pesante l’avvento della crisi globale. In particolare, il fenomeno più significativo è consistito nella riduzione dei prezzi sui mercati internazionali, a fronte di crescenti costi di produzione: una situazione in realtà già esistente da qualche anno, e che ultimamente si è accentuata.

La conseguenza è intuitiva: redditi sempre più bassi per gli esercenti l’attività economica primaria. Ed è un calo drammatico: si stima che la flessione media negli ultimi dieci anni sia stata addirittura del 36%. Nel biennio alle nostre spalle, il calo medio a livello comunitario è stato pari all’11,6%, ma in Italia ha raggiunto il 20,6%.


Non a caso, perciò, molti agricoltori si sono trovati logorati e trascinati in una lunga agonia. Ma i problemi sono anche altri: l’accesso al credito è molto difficile e oneroso, e sempre più spesso si verifica il fenomeno perverso della stipulazione di mutui sorti semplicemente per tappare debiti preesistenti. I crediti bancari verso gli agricoltori giudicati in sofferenza dalle banche, d’altronde, nel 2009 sono cresciuti del 22% rispetto all’anno precedente.

Ora, però, emergono decisi segnali di ripresa, seppure molto diseguali. In particolari, i prezzi hanno ripreso a salire e, in alcuni ambiti, perfino a correre. La crescita media dal giugno 2009 al giugno 2010 è stata dell’8,9%, trainata soprattutto dai valori positivi del comparto della frutta (+ 28%). Di contro, continua la lunga crisi dei cereali, i cui prezzi nello stesso periodo sono scesi mediamente del 10%.


Va citata, infine, un’altra notizia preoccupante che attesta la difficile situazione: l’Italia si trova quasi sicuramente a dover restituire all’Unione Europea circa un miliardo di euro; si tratta di importi stanziati per il sostegno al mondo rurale e rimasti inutilizzati per la carenza di progetti di sviluppo e di investimento.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Rispondi